Il corteo per le cisterne a Torre Annunziata

La Mura (M5S); sottoscritto esposto in procura

 

Immagine correlata
Virginia La Mura

Redazione – Scenderanno di nuovo in piazza oggi i cittadini di Torre Annunziata (Napoli) per opporsi all’opera di ampliamento delle cisterne di idrocarburi nella zona del porto ad opera della ISECOLD azienda che già gestisce l’area silos del litorale. Il Comitato Salera promotore della mobilitazione chiede che la zona, risultata pesantemente inquinata da idrocarburi, sia destinata a bonifica e si fermi l’ampliamento delle cisterne. La senatrice Virginia La Mura del Movimento 5 Stelle, da sempre vicina alle battaglie del comitato contro il progetto della ISECOLD ha sottoscritto l’esposto presentato alla Procura di Torre Annunziata dagli attivisti e dai membri del Comitato Salera  Orfeo Mazzella e Pina Valente.

“Ho deciso di sostenere le vie legali intraprese dal comitato, una forma ulteriore di pressione per impedire lo scempio del territorio”, spiega La Mura in una nota.
“Quell’area va destinata a bonifica per tutelare la salute dei cittadini, del mare e dell’ambiente e non può essere oggetto in alcun modo di ulteriore speculazione che non porterà alcun giovamento al territorio – prosegue la senatrice – i vincoli paesaggistici, la necessaria bonifica e la mobilitazione dei cittadini devono imporre scelte chiare e precise e noi non faremo mai mancare il supporto a questa lotta. Oltre all’esposto in Procura supporteremo la battaglia contro l’ampliamento delle cisterne in tutte le sedi a cominciare da quelle romane per fare il modo che arrivino indicazioni chiare agli organi di governo del territorio che si basino sul principio di salvaguardia della salute e dell’ambiente, come portavoce sto lavorando insieme al Comitato Salera per mettere a punto una forma di pressione ancora più ampia per impedire questa assurda speculazione”.

 

Precedente Spiaggia del Purgatorio, parziale revoca balneazione Successivo Sorrento incontra Tucumàn: gemellaggio con la capitale argentina dei limoni