Donato al Museo Correale il ‘Sansone contro i Filistei’

Un dipinto di Luca Giordano che era della signora Maria Vittoria Pollio

 

Sorrento – È stato donato al Museo Correale il “Sansone contro i Filistei” che è un dipinto di Luca Giordano la cui proprietaria era la signora Maria Vittoria Pollio. Immagine correlata

Un’altra opera che va ad arricchire un museo in cui ci sono la collezione di mobili e scrigni intarsiati con legni rari ed esotici che è la testimonianza di un tipico artigianato locale, che, soprattutto nell’Ottocento, raggiunse notevoli livelli di virtuosismo tecnico. La sezione dei dipinti spazia dal XV al XIX secolo, seppur il nucleo fondamentale è costituito dalla collezione di nature morte di scuola napoletana del Sei e Settecento e dal cospicuo gruppo di paesaggi della scuolam di Posillipo, due fonti insostituibili per l’approfondimento degli studi su questi splendidi momenti della civiltà figurativa meridionale.

Questo dipinto va ulteriormente ad aumentare la ricchezza di quelli che ci sono, esso è una tela di125 per 120 centimetri ed è stata attribuita al pittore napoletano Luca Giordano (Napoli 1634-1705) dal professore Lucio Grossato, nel 1955 già direttore del Museo civico di Padova.

Luca Giordano, un pittore partenopeo che è conosciuto anche con il soprannome di ‘Luca Fapresto’ (‘Luca fai presto’), soprannome datogli mentre stava lavorando nella chiesa di Santa Maria del Pianto a Napoli, quando dipinse in soli due giorni le tele della crociera. Il soprannome era tuttavia dato anche per la sua sorprendente velocità nel copiare i grandi maestri del Cinquecento, tra cui Raffaello ed Annibale Carracci, ma guardando anche a Giovanni Lanfranco e Pietro da Cortona.

Il dipinto rappresenta l’episodio di ‘Sansone che combatte i Filistei’ e sembra essere – secondo gli esperti – una produzione di quando ritornò dal suo decennio passato in Spagna (1692-1702).

Di questo quadro sembra esserci una citazione nell’opera ‘Vite de’ pittori, scultori, ed architetti napoletani’ di Bernardo De Dominici, uno scrigno prezioso per gli studiosi del secolo d’oro.

La tela sarà presentata al pubblico ed alla stampa dal dottore Enrico De Nicola domenica 22 luglio alle ore 10.30 al Salone degli specchi che sorge all’interno del Museo.

 

GISPA

 

Precedente La Campania monitorata da Goletta Verde Successivo Al NTFI anteprima nazionale di ‘Who is the king’