GP d’Austria Carlo Ametrano da i voti ai piloti

Da quello più alto a Verstappen della Red Bull che vincendo il Gran Premio si rilancia in classifica ed la casa automobilistica

Immagine correlata
Foto tratta da FormulaPassion

Redazione – Da grande appassionato di automobilismo di Formula Uno, Carlo Ametrano da i voti ai piloti del GP d’Austria e da quello più alto a Verstappen della Red Bull che vincendo il gran premio si rilancia in classifica ed anche la casa automobilistica.

La passione per Ayrton Senna lo ha portato inerpicarsi nel favoloso mondo delle competizioni di Formula Uno e da qualche tempo si inerpica anche nel dare i voti, gara dopo gara, ai piloti dei vari gran premi che si stanno disputando.

Il voto più alto, come dicevano sopra, lo ha dato a Verstappen della Red Bull che vincendo il gran premio si rilancia in classifica ed anche la casa automobilistica: “Gli do un bel 10, ha fatto una gara perfetta ed ha saputo approfittare di tutti gli episodi. Lui ha un talento innato e sta maturando mentalmente”. Un gran premio che messo sotto pressione la Mercedes e lo dimostra il fatto che per un errore di strategia il campione del mondo da leader della corsa – dopo il primo stop – si era persino ritrovato quarto a sandwich tra le due Ferrari per non aver approfittato della virtual safety car. Dopo un primo stint sulle ultrasoft non proprio brillante, le due Ferrari hanno trovato con le soft un grande ritmo e, cosa più importante, entrambi i piloti sono stati bravi a gestire quelle stesse gomme che sulla Mercedes di Hamilton e la Red Bull di Ricciardo hanno dato grandi problemi di blistering. Che è stata anche la bravura di Verstappen e la chiave del suo successo.

In poche parole questi sono stati momenti salienti che hanno deciso la gara sulla pista di Spielberg Bei Knittelfeld, che ha visto il rilancio del cavallino rampante che è salito sul podio con Raikkonen, secondo, e Vettel, terzo, che era partito con la penalizzazione tre posizioni per le penalità prese in qualifica. Sul primo ferrarista: “Kimi ha fatto una signora gara e da quando sta subendo la pressione di Leclerc sembra essersi ricordato di essere un ex campione del mondo di Formula Uno. A lui gli do un 7,5”.

Con il momentaneo capoclassifica della classifica mondiale, Vettel, non è molto benevolo: “Quando due Mercedes si fermano se si punta a vincere il mondiale bisogna finire il GP al primo posto. Il terzo posto non può essere considerato un buon risultato. Per incoraggiamento, anche perchè è tornato in testa al mondiale, gli do 7”.

Sugli altri piloti che si sono classificati dal quarto al decimo posto, da 7 sia a Grosjean e  Magnussen con le Haas-Ferrari, un bel 6,5 ai piloti delle Force India, Ocon e Perez  che sono in netta ripresa.

Il 6 tocca a Fernando Alonso con la McLaren che non è in una buona annata, ma “Fernando per quello che sta facendo con il “mezzo” a disposizione si merita un 6”.

Nono e Decimo chiudono Leclerc e Eriksson la griglia dei punti di questo GP: “Leclerc ha un biennale con la Ferrari e mostra tutto il suo valore ad entrambi assegno un 6,5”.

Non si sbilancia sul fatto delle vetture che montano un motore Ferrari possano essere quelle che andranno meglio nei confronti di quelle che montano un motore Mercedes, anche sulle auto della stessa casa. Anche perché “non ci dimentichiamo che domenica si corre il GP di Silverstone che è favorevole alle Mercedes e in particolare a Hamilton”.

Ed allora aspettiamo cosa accadrà sul lungo percorso della pista di Silverstone.

 

GISPA

 

Precedente Lina Sastri al Napoli Teatro Festival Italia Successivo Salvati e rimessi in mare stelle marine e granchi