Incendio Bus Eav, De Gregorio accerteremo cause

Non c’è stata nessuna conseguenza anche per come è stato gestito l’accaduto dell’autista Giovanni

 

 Redazione – È andato in fiamme un bus Eav ai Colli di Fontanelle e l’incidente non ha provocato nessuna conseguenza per i passeggeri ed il personale.

Il fatto è accaduto nella mattinata del 1 giugno quando il mezzo stava percorrendo la statale 145 Sorrentina che porta verso Sant’Agata sui due Golfi, quando è stato avvistato dall’autista del fumo nero uscire dalla parte posteriore dove c’è il motore. Il conducente dell’autobus, che si chiama Giovanni, si è portato nella piazzetta Sagristani della frazione alta santanellese ed ha fatto scendere tutti i passeggeri, che poi hanno proseguito con altri mezzi, e poi sono stati avvertiti i vigili del fuoco del distaccamento di Piano di Sorrento che hanno domato le fiamme. Di quello che è successo ne è stato avvertito il deposito di Sorrento ed anche il presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio, e si è complimentato con l’autista: “Ho telefonato all’autista Giovanni per complimentarmi per aver mantenuto il controllo della situazione. Giovanni, accortosi del fumo, ha fatto scendere tutti i passeggeri e gestito con professionalità l’evento”.  Ma ha chiarito fermamente che saranno accertate le cause dell’incendio, perché “quanto accaduto è la dimostrazione che bisogna aumentare i ricavi dal traffico anche per potenziare i livelli di manutenzione”.

D’altro canto il sindacato dell’Orsa in una nota mette i puntini sugli i, perché “l’età media del parco veicoli è troppo elevata. La politica provveda a mettere in atto tutto ciò che è nelle sue possibilità per garantire un trasporto pubblico efficace e sicuro per tutti, e speriamo che lo faccia prima che sia troppo tardi”.

 

GISPA

 

Precedente Confapi, Commercio: Uber Eats a Napoli occasione di crescita Successivo Circumvesuviana: con il “Sorrento Night” corse notturne