Intesa sui trapianti di fegato Asl Napoli 3 Sud-Cardarelli

Durante un convegno su alimentazione e salute nella sala consiliare del comune di Gragnano

Cardarelli - panoramio.jpg
Ospedale Antonio Cardarelli

 Redazione – Durante un convegno su alimentazione e salute nella sala consiliare del comune di Gragnano tra l’Asl Napoli 3 Sud ed l’ospedale Cardarelli è stata siglata un’intesa sui trapianti di fegato.

Il convegno era ‘Pasta e salute’ e vi erano convenuti autorevoli personalità del mondo medico scientifico ed istituzionale, oltre ad un folto pubblico di cittadini, tra cui i direttori generali di Asl Napoli 3 Sud, Antonietta Costantini, e dell’Azienda ospedaliera di rilievo Nazionale, Antonio Cardarelli Ciro Verdoliva.

Hanno colto l’occasione per passare alla via dei fatti: hanno sottoscritto, anticipando di qualche giorno sul previsto, il protocollo d’intesa per la realizzazione della rete per la gestione dei pazienti da sottoporre a valutazione per trapianto di fegato e l’organizzazione del teleconsulto per le reti tempo dipendenti.

Come si sviluppa la modalità dell’accordo: i pazienti afferenti al centro epatologia del presidio ospedaliero di Gragnano diretto dal dottor Carmine Coppola, candidabili a valutazione trapiantologica, saranno inviati, previa prenotazione, al centro trapianti del Cardarelli.

Questo centro del nosocomio partenpeo in sette giorni si impegna ad effettuare la valutazione ed entro un mese verrà effettuato il bilancio pre trapianto, propedeutico all’inserimento nella lista trapianti. Nel contempo entro quindici giorni dall’effettuazione del bilancio pre trapianto, si impegna a riunire la commissione per la lista trapianti, prevedendo la partecipazione del dottor Carmine Coppola o di suo delegato con l’impegno di sottoporlo a verifica ed eventuale rivalutazione a sei mesi dall’applicazione.

La seconda parte dell’intesa prevede che le direzioni sanitarie hanno il mandato di individuare un gruppo di lavoro che dovrà essere costituito dai dirigenti di entrambe le Aziende che provvedano a definire entro 15 giorni dall’insediamento le procedure per la trasmissione di immagini di radiodiagnostica e teleconsulto specialistico per le reti tempo-dipendenti (infarto del miocardio, stroke-ictus, politrauma) che vedono coinvolte Cardarelli ed Asl Napoli 3 Sud.

Soddisfazione è stata espressa da entrambi i direttori delle Aziende per il passo avanti che è stato compiuto nella qualità dell’assistenza offerta ai cittadini seguendo un percorso di sinergia e collaborazione istituzionale.

Precedente Una “Stella per i giovani 2018”, Gigi &Ross all’Oratorio San Nicola Successivo Al via il premio Borgo Albori 2018 a Vietri sul mare