La cinta muraria di Sorrento a le ‘Giornate nazionali dei castelli’

Visite guidate con due giornate dedicate ai castelli, ai complessi monumentali e loro circondario

 

Sorrento – Sono giunte  alla 20^ edizione le ‘Giornate nazionali dei castelli’ con delle visite guidate con due giornate dedicate ai castelli, ai complessi monumenti e loro circondario. 

Anche la cittadina costiera partecipa a questo evento nazionale con delle visite alle antiche mura che la circondavano nei secoli scorsi dagli attacchi degli invasori o dei rivoltosi come accadde quando c’erano le guerre contro le ‘università’ vicine. E dopo la partecipazione dello scorso anno vi è anche quella di questo e ad illustrare la storia di queste mura saranno l’architetto Antonio Amitrano e gli studenti dell’istituto San Paolo di Sorrento il 19 e 20 maggio. I visitatori saranno accolti nella chiesa della Marina Grande, alle ore 10.00, dall’architetto Amitrano e poi partiranno per l’escursione che porta dalla Porta di Marina Grande al Bastione di Parsano. Mezzora dopo entrano in scena gli studenti dell’istituto San Paolo di Sorrento che faranno con i visitatori lo stesso percorso, mentre a mezzogiorno esatto con gli stessi studenti i partecipanti all’escursione percorreranno l’itinerario che va dal Bastione di Parsano al Fortino di Marina Piccola.

Un percorso non solo culturale ma soprattutto storico visto che la cinta muraria era quella che difendeva la città dagli assalti degli invasori, come nel corso dei secoli accadeva, ad esempio sia quando ci fu l’invasione degli arabi e sia quando ci furono le guerre contro le ‘università’ vicine: Vico Equense, Piano e Massa Lubrense.

A fare da cornice al Sedil Dominova, nel centro storico, si potrà visitare una mostra sull’iconografia della cinta muraria o bastionata curata dall’architetto Antonio Amitrano.

Un evento organizzato in tutta la Nazione organizzata dall’Istituto Italiano dei Castelli che è un’organizzazione culturale senza scopo di lucro, nata nel 1964 su iniziativa di Pietro Gazzola ed eretta in Ente Morale, riconosciuto dal Ministero dei Beni Culturali, nel 1991. Oggi si è eretto in ONLUS.

Esso ha avuto il patrocinio dal ministero dei Beni culturali, dal Comune di Sorrento e dalla Fondazione Sorrento e la collaborazione dell’Istituto polispecialistico San Paolo di Sorrento.

 

GISPA

 

Precedente Solidarietà al porto a Sorrento: la ‘Nave del Cuore’ Successivo Condannato Schettino a pagare 5mila euro per deturpazione