Maiori, per il convento San Domenico nuova destinazione

Una scuola di alta formazione turistica

Una scuola di alta formazione professionale di management turistico. È quanto immaginato dall’Amministrazione comunale di Maiori, guidata dal sindaco Antonio Capone, per l’antico complesso conventuale di San Domenico, che rientra nelle disponibilità immobiliari comunali, in un più ampio progetto di restauro, riqualificazione e rifunzionalizzazione.

La Giunta comunale del 13 febbraio scorso, nell’approvare il progetto di fattibilità tecnicoeconomica, ha demandato al responsabile dell’Area Lavori Pubblici e Tecnico-manutentiva del Comune, l’architetto Roberto Di Martino, l’adozione degli atti consequenziali al deliberato. Il progetto, che prevede una spesa di 7,6 milioni di euro, sarà presentato dall’Amministrazione comunale ai prossimi bandi FERS della Regione Campania per essere ammesso a finanziamento. Non essendo inserito nella Programmazione delle Opere Pubbliche 2018-2020, l’intervento necessita la redazione del progetto di fattibilità tecnico-economica. Già, perché soltanto dopo la sentenza del Consiglio di Stato del dicembre scorso, che aveva definitivamente cancellato ogni possibilità di trasformare l’antico convento in struttura ricettiva di lusso (secondo il progetto della precedente amministrazione) è stato possibili immaginarne una nuova funzione.

«L’amministrazione comunale, impegnata per il miglioramento delle condizioni urbanistiche, economiche, ambientali e culturali del proprio territorio con particolare attenzione al riuso degli immobili di proprietà comunale intende realizzare una Scuola di formazione professionale unitamente ad una serie di “servizi” e attività-eventi sia formativi che culturali» si legge dal deliberato.

 

Fonte il vescovado.it

 

Precedente Sulla via che collega il Porto con il centro cittadino ennesimo incidente stradale Successivo Piano, in costiera girava libero un condannato