Napoli siringato nel finale 

Gli azzurri dopo un primo tempo senza voglia, dove non ha fatto neanche un tiro in porta, ha disputato una ripresa con un altro volto dove va in vantaggio che poi non sa gestire e sono raggiunti al fotofinish

Foto tratta dalla pagina di Facebook di Victor Osimhen

Redazione – Il Napoli è stato siringato nel finale.

Gli azzurri dopo un primo tempo senza voglia, dove non ha fatto neanche un tiro in porta, ha disputato una ripresa con un altro volto dove va in vantaggio che poi non sa gestire e sono raggiunti al fotofinish.

Un’altra gara che è lo specchio di un campionato disastroso dove due allenatori non sono riusciti a dare una scossa dopo un inizio avvilente con Garcia che non ha dato quella continuità che in molti speravano nel dopo Spalletti.

La mentalità dei calciatori non è serena perché la confusione è regnata sovrana già dal ritiro estivo, poi, con altre probabilità, ci sono anche altri problemi che annebbiano in quei momenti la squadra quando ha bisogno di essere serena e fredda.

Primo tempo con una prima mezzora senza nessun sussulto, l’Udinese del napoletano Cannavaro opta per il cosiddetto catenaccio, il Napoli controlla la gara ma non trova gli spazi e fatica a fraseggiare a centrocampo. Ci si affida ai lanci lunghi per il solo Osimhen che prova a spaziare su tutto il fronte offensivo, supportato a singhiozzo da Politano (non al top ma ha stretto i denti) e con Lindstrom che fa il personaggio in cerca d’autore.

Azzurri abulici, senza voglia di correre e proporsi.

L’Udinese ci prova dapprima con Lucca e Samardzic e poi al tramonto del primo tempo con Bijol che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo si gira bene in area e la indirizza sul palo lontano.

Ripresa con gli azzurri che forse sono stati scossi da Calzona negli spogliatoi: Cajuste approfitta di una leggerezza bianconera e di sinistro impegna Okoye sul primo palo, Osimhen la sblocca (6’) su assist di Politano: il nigeriano prende l’ascensore, asfalta entrambi i centrali (Bijol e Kristensen) e di testa la insacca alla destra di Okoye.

L’Udinese si scuote con Davis impegna Meret che è reattivo. Osimhen raddoppia ma il Var dice che è in fuorigioco, poi impegna Okoye e Politano è fermato in angolo.

La beffa arriva al 47’ con il pareggio di Success.

UDINESE-NAPOLI 1-1

Marcatori: 6′ st Osimhen (N), 47′ st Success (U).

Udinese (3-4-2-1): Okoye; Ferreira, Bijol, Kristensen; Ehizibue (24′ st Ebosele), Zarraga, Walace, Kamara (43′ st Zemura); Samardzic, Brenner (8′ st Success); Lucca (8′ st Davis).

A disp.: Mosca, Padelli, Abankwah, Tikvic, Kabasele, Pereyra, Pejicic. All.: Cannavaro.

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Ostigard, Olivera; Anguissa, Lobotka, Cajuste (28′ st Traorè); Politano, Osimhen (42′ st Simeone), Lindstrom (37′ st Ngonge sv).

A disp.: Contini, Idasiak, Natan, Juan Jesus, Mario Rui, Mazzocchi, D’avino. All.: Calzona.

Arbitro: Aureliano

Angoli: 7-5. Recupero: 2’ pt e 6’ st. spettatori circa 21mila.

GiSpa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.