Navi da crociera, più 16% nel 2018

E ritorna a solcare il golfo della costiera sorrentina la Costa Crociere con la Pacifica

 Costa Pacifica in Katakolo 3.jpg

Sorrento – Il 2018 sarà un anno che vedrà un incremento della navi da crociera del 16% e vedrà anche la Costa Crociere che ritorna a solcare il golfo della costiera sorrentina con la Pacifica.

Come si evince dalle prenotazioni che sono giunte fino ad oggi alla Capitaneria di Porto di Sorrento, saranno più di cento queste navi che getteranno l’ancora nel golfo ‘di ‘Surriento’, ma con ogni probabilità il numero è costretto ad aumentare. Un numero che già negli anni scorsi è aumentato e si è passati da 83 ai 98 dell’ultima stagione, e questo anche perché la costiera sorrentina che è una tra le mete turistiche più visitate, ed è anche il punto di partenza per le escursioni verso Pompei, il Vesuvio ed Ercolano. Un’ulteriore spinta verso il rilancio di un comparto che ha vissuto il suo periodo d’oro all’inizio del XXI secolo ma che poi anche con la crisi che ha attanagliato un po’ il vecchio continente, ha vissuto un momento non facile. E dal numero di questi alberghi galleggianti, ma chiamiamoli più propriamente, città galleggianti, che si appresteranno a solcare il mare nostrum, si vivrà un altro momento d’oro. E ne farà parte anche la Costa Pacifica, che è stata varata nel 2009, ha una stazza di ben 114.500 tonnellate ed è in grado di trasportare 3.780 passeggeri e 1.100 membri dell’equipaggio.

Ma oltre ad essa faranno sventolare il loro vessillo, in questa nuova stagione crocieristica che inizierà nella metà del mese di aprile, e che avrà il suo clou nel mese di giugno, anche altri due gruppi: Grand Cruise Investment e Netherlands, e si vedranno davanti alle coste sorrentine la Star Pride, la Prinsedam, la Marella Dream, la Le Laperouse, la Azamara Pursuit e la Artania.

Con questo incremento dovrebbe essere maggiore anche quello dei passeggeri, che non solo visiteranno la terra delle sirene, che sarà anche il ponte per le escursioni verso le mete da visitare da tutti agognate: Pompei, Vesuvio, Ercolano ed Napoli.

Crocieristi che daranno un ulteriore input all’economia non solo della città di Sorrento, ma anche all’intera penisola, il cui giro di affari ruota, per la maggior parte dell’anno, intorno al turismo.

 

GISPA

 

Precedente Terna, interventi tra Costiera e Capri Successivo Stupore nella notte nel cielo di Capri: spunta un misterioso oggetto luminoso.