‘A pasta cas’ e ova, un piatto semplice e davvero tipico

Dai nostri nonni questa pietanza veloce da preparare

 

 Immagine correlataRedazione – Dai nostri nonni una pietanza veloce da preparare, un piatto semplice e davvero tipico: ‘a pasta cas’ e ova

La cucina napoletana è variegata e vanta molte eccellenze agroalimentari e prodotti tipici, (oltre 450), insieme alla regione Toscana detiene il primato in Italia, e quando si nomina la cucina partenopea si tocca un tasto delicatissimo che sfiora le corde dell’immensità.

Molte delle preparazioni culinarie campane hanno origini antiche (anche se non tanto antiche quanto la pizza, che risale addirittura al secondo millennio a.C.).

Anche se forse non è molto antico, il piatto che oggi descriviamo, potrebbe essere quasi una rivisitazione veloce della carbonara, invece è semplice, completo ma allo stesso tempo meravigliosamente succulento, una chicca tutta napoletana.

‘A pasta cas’ e ova è in poche parole la pasta con cacio (formaggio) e uova, una pietanza davvero veloce da preparare ma che caratterizza quello che per molte persone anziane è stato un primo piatto sostanzioso e saporito.

I suoi ingredienti sono: 400 grammi di pasta corta (tubetti o gramigna -in napoletano “sturtariell“-),

50 grammi di sugna (in alternativa burro), 50 grammi di parmigiano grattugiato, 50 grammi di pecorino grattugiato, 4 uova, prezzemolo quanto basta, sale quanto basta e pepe quanto basta.

Si procede così: in un piatto abbastanza fondo, sbattere 4 uova intere, con sale, pepe e prezzemolo tritato finemente. Calare la pasta scelta in abbondante acqua bollente e sale ed aspettare il tempo di cottura predefinito.

In una padella, far sciogliere la sugna (o il burro), ed aggiungere la pasta precedentemente scolata. Versare i due tipi di formaggio grattugiato e le uova preparate in precedenza, mescolare tutto amalgamando la pasta con le uova ed il formaggio, e saltare in padella a fuoco basso, fino a fare in modo che l’uovo leghi del tutto con la pasta.

Dopo servire la pietanza con una leggera spolverata al momento, di pepe nero.

E poi gustatevela!

 

GISPA

 

Precedente Vico Equense, fiamme in una casa Successivo E’ volata negli Usa Sveva Schiazzano