Porto di Marina della Lobra, la pregiudiziale del Comune accolta

“Difetto di giurisdizione” nella causa intentata da Marina Lobra srl  per il risarcimento di danni

 

Massa Lubrense – Sulla questione Porto di Marina della Lobra ancora novità sul fronte giudiziario. Il Tribunale di Napoli Sezione specializzata in materia di imprese ha accolto la pregiudiziale presentata dai legali del Comune di Massa Lubrense di “difetto di Immagine correlata

giurisdizione” nella causa intentata da Marina Lobra srl  per il risarcimento di danni.

La società che si era aggiudicata la progettazione, la realizzazione e la gestione per

oltre quaranta anni del porto di Marina della Lobra, progetto ripetutamente bocciato

dalla Giustizia Amministrativa e da una determina municipale,  aveva citato in

giudizio il Comune di Massa Lubrense per grave “inadempimenti contrattuali”

chiedendo un risarcimento di circa cinque milioni di euro. Il Comune di Massa

Lubrense, costituito in giudizio, aveva a sua volta richiesto con una “domanda

riconvenzionale”  un indennizzo alla società Marina Lobra srl  per danni ammontanti

a  14 milioni e settecento mila euro.

Il primo giudizio davanti al Tribunale Civile di Torre Annunziata si era

prematuramente interrotto sempre perché i legali del Comune di Massa Lubrense

avevano presentato una pregiudiziale di “incompetenza” del Tribunale che era stata

accolta dai giudici di Torre Annunziata. La causa è stata poi portata davanti al

Tribunale  di Napoli Sezione Specializzata in Materia di Imprese. Anche qui  i legali

del Comune di Massa Lubrense, gli avvocati Paolo Vosa e Gianvincenzo Esposito

hanno presentato una eccezione pregiudiziale di giurisdizione. Con  una  Ordinanza

la Sezione Specializzata in Materia di Imprese del Tribunale di Napoli, depositata nei

giorni scorsi in Cancelleria, ha inviato d’ufficio il fascicolo alla Suprema Corte di

Cassazione che dovrà dirimere la questione della competenza. Difficile da prevedere

anche per gli esperti del settore tempi certi per una risposta della Cassazione, il

giudizio prima ancora di iniziare nel merito è passato per due Tribunali ed ora si

prepara a passare il vaglio  del terzo, la  Suprema Corte di Cassazione.

L’Ordinanza del Tribunale di Napoli arriva a pochi giorni dalla sentenza del TAR

Campania con la quale è stato dichiarato inammissibile il ricorso presentato da

Marina Lobra srl contro il provvedimento di chiusura della Conferenza dei Servizi che

aveva bocciato il project financing relativo ai lavori di ristrutturazione dell’area

portuale di Marina Lobra.

La prima sezione del Tribunale Amministrativo Regionale della Campania  di Napoli

con la sentenza pubblicata pochi giorni fa ha accolto in pieno la pregiudiziale di

inammissibilità formulata dal legale del Comune di Massa Lubrense l’avvocato

Gianvincenzo Esposito.

​Una doppia battuta di arresto per i giudizi intentati contro l’Amministrazione Comunale  guidata da Lorenzo Balducelli che non ha voluto commentare l’ultima Ordinanza del Tribunale e che nei giorni scorsi aveva  espresso soddisfazione perché la Giustizia Amministrativa aveva confermato quanto il primo cittadino aveva sempre affermato sulla questione del Porto di Marina della Lobra.

 

Precedente Inaugurazione della rassegna “Le Note del Chiostro” a Napoli Successivo Tosta Folgore Massa, la spunta nel derby col Marigliano