Punta Campanella, spettacolare incontro con una rana pescatrice (Video)

Due sub del Centro Immersioni di Massa Lubrense, si sono imbattuti in un grosso esemplare

Hal - Lophius piscatorius.jpg
Rana pescatrice

 

Massa Lubrense – Due giorni fa c’è stato uno spettacolare incontro con una rana pescatrice nelle acque dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella da parte di due sub del Centro Immersioni di Massa Lubrense, si sono imbattuti in un grosso esemplare.

Lorenzo Corcione e Vincenzo Coppola, questi i nomi dei due esperti sub che hanno avuto questo incontro ravvicinato con questo animale conosciuto anche come coda di rospo, è un pesce appartenente alla famiglia Lophiidae nelle profondità di Punta della Campanella, zona B del Parco.
I due hanno seguito per diversi minuti l’esemplare di rana pescatrice di oltre un metro di lunghezza. L’animale è sembrato a suo agio durante l’incontro. C’è stato anche un contatto diretto, con uno dei subacquei che ha poggiato la mano sulla pinna della rana pescatrice, quasi a scambiare un saluto.

La rana pescatrice o coda di rospo è una specie dalle abitudini solitarie, che passa la maggior parte del tempo infossata sul fondo, mimetizzata, in attesa delle prede. E’ molto diffusa nel mare del nord ma è presente anche nel mediterraneo.

Presenta una testa massiccia ricoperta di creste ossee e spine, appiattita e allargata, di forma ovale, così come la parte anteriore del corpo; il corpo è conico e la pelle è priva di squame. La bocca è molto grande e rivolta verso l’alto, con numerosi denti acuti: la mascella inferiore è prominente rispetto a quella superiore. Nella mandibola e lungo il corpo sono presenti delle appendici cutanee a forma di frange. La colorazione è bruno-olivastra o violacea sul dorso e bianca nel ventre; le pinne sono orlate di scuro.

“Un nuovo piacevole incontro nei nostri fondali – commenta Michele Giustiniani, presidente del Parco Marino di Punta Campanella – Mantenere un buon livello di biodiversità è un obiettivo fondamentale per noi”.
Negli ultimi anni sono tantissimi gli avvistamenti spettacolari nel Parco Marino, dai delfini sempre più numerosi, alle tartarughe, fino anche a un capodoglio segnalato lo scorso settembre e una teca ovarica di calamaro gigante qualche anno fa.

Video su: https://www.facebook.com/puntacampanella.parcomarino/videos/2185031558408925/?t=2

Precedente La Festa della Bandiera Blu a Sorrento Successivo Madonna delle Grazie, si rinnova la tradizionale processione marinara