Può riaprire la Domus San Vincenzo Pallotti

Lo ha stabilito il sindaco Piergiorgio Sagristani dopo il comunicato dell’Arpac

 

 Sant’Agnello – La Domus San Vincenzo Pallotti può riaprire e questo lo ha stabilito il sindaco Piergiorgio Sagristani dopo il comunicato dell’ Arpac che riferiva che non c’è legionella.

Il bed & breakfast che fa capo alle cosiddette suore ‘pallottine’, che è situato sul costone che si affaccia su Marina di Cassano, fu chiuso qualche giorno prima di Natale scorso con ordinanza dello stesso sindaco poiché un ospite olandese dichiarò al ritorno dalle vacanze in Italia, di aver contratto la legionellosi. Da quel momento partirono i dovuti controlli da parte dell’Arpac (Agenzia regionale per la protezione ambientale) ed i test effettuati nei campioni di acqua prelevati, sei su otto, rivelarono che in essi c’era una “concentrazione elevatissima” di Legionella pneumophila.

Così l’Arpac sollecitò l’intervento del primo cittadino che non poté evitare di emanare l’ordinanza di chiusura della Domus San Vincenzo Pallotti. Dopo quasi due mesi in cui è stato effettato l’intervento di bonifica, e dopo che altri prelievi sono stati effettuati, le analisi microbiologiche eseguite dagli esperti hanno certificato l’assenza di batteri nel bed and breakfast. E questo ha fatto si che il primo cittadino santanellese revocasse l’ordinanza di chiusura e che le cosiddette suore ‘pallottine’ ora possono rimettere in moto il bed and breakfast.

 

GISPA

 

Precedente In scena “Socrate Immaginario” al Teatro Arcas Successivo Eav, i biglietti bus acquistabili dallo smartphone