Ravello: choc settico per 46enne giardiniere

Salvato a Castiglione

 Intervento salvavita stamani al presidio ospedaliero della Costa d’Amalfi. Un uomo di 46 anni, originario del Burkina Faso, è giunto privo dei sensi a Castiglione. Immediatamente affidato all’anestesista rianimatore di turno, il dottor Salvatore Virno, all’uomo, apparso debilitato, è stato diagnosticato uno choc da settico, a causa di un’estesa infezione da setticemia.

Immediatamente il personale medico sanitario ha indssato tutte le precauzioni igieniche previste dal caso, sottoponendo l’uomo – che da pochi giorni era rientrato dall’Africa – a una terapia farmacologica massiva. Stabilizzato, è stato trasportato, a bordo di un’ambulanza medicalizzata, al Porto Turistico di Maiori dove ad attenderlo c’era l’eliambulanza per il trasferimento d’urgenza all’ospedale “Domenico Cotugno” di Napoli, specializzato in malattie infettive ed urgenze infettivologiche.

L’uomo lavora come giardiniere in una villa privata di Ravello. Ad accompagnarlo a Castiglione, in auto, una persona che era presente quando ha cominciato a dare segni di cedimento. Pochi minuti di ritardo nei soccorsi sarebbero stati fatali.

L’ambulatorio di Pronto Soccorso del “Costa d’Amalfi” e il percorso effettuato dal degente sono rimasti chiusi per il tempo necessario alla sanificazione degli ambienti.

Fonte il vescovado.it

Precedente Si teme per la stabilità del viadotto San Marco Successivo Molise, scossa di terremoto e paura nel Centro-Sud