Sorrento, Settimana Santa: due giorni tra ricette, tradizioni e storia

Sapori, profumi e pietanze della tradizione pasquale: il tema di un convegno tenutosi a Villa Fiorentino

 

Di Claudia Esposito

 

Sorrento – Sapori, profumi e pietanze della tradizione pasquale: è stato questo il tema di un convegno tenutosi ieri sera a Villa Fiorentino nell’ambito della mostra “La settimana Santa a Sorrento” di Lino e Antonino Fattorusso. Tra pastiere e casatielli, a parlare delle prelibatezze del tempo di Pasqua si sono succeduti lo chef Giuseppe Aversa, lo storico Nino Cuomo e il professor Filippo De Maio per recuperare le tradizioni che rischiano di scomparire. “Le festività pasquali – ha esordito lo storico Nino Cuomo – erano attese non solo per l’aspetto religioso ma anche per le pietanze, tipo per il rito dell’apertura della pastiera. In realtà, già il momento della spesa era speciale con le botteghe addobbate a festa. Tradizioni che andrebbero recuperate oggi magari anche lanciando concorsi nelle scuole e capire quali usanze sono ancora vive nelle famiglie”. “C’è anche una responsabilità delle scuole nel tramandare le tradizioni della nostra terra – ha aggiunto il professor De Maio – perchè anche la cucina è cultura, è patrimonio del nostro territorio, appartiene alla nostra infanzia e di conseguenza alla nostra vita”. Cucina come chiave della memoria, ricordo di persone, tempi, atmosfere passate ma sempre vive nel cuore. Pietanze che affondano nella tradizione che ma ognuno personalizza con tocchi e varianti che rendono unico ogni piatto. “Ogni pastiera – ha spiegato lo chef Aversa – è diversa dall’altra, c’è chi la fa con la crema e chi senza, ognuno ha un suo tocco speciale che la rende familiare ma l’importante è che veicoli emozioni. Oggi però si preferisce andare al ristorante, si sta perdendo il rito delle festività trascorse in casa con la famiglia riunita e la stessa evoluzione dei tempi ci sta facendo perdere di vista molti cibi”. Concluso ieri l’appuntamento con la pasticceria pasquale, stasera sarà invece tempo di parlare di storia. Alle ore 17.30, sempre a Villa Fiorentino, lo storico Donato Sarno parlerà della storia delle processioni a Sorrento e in Costiera Amalfitana. La mostra multimediale sarà invece visitabile fino al 1 aprile dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 (sabato e domenica fino alle 20).

Precedente Costa d’Amalfi, da digerire sconfitta difficile Successivo Tris del Sorrento con le firme d’autore