Il Sorrento subito chiude i conti

Sbaglia un rigore, va in vantaggio con Gargiulo, tenta il raddoppio però soffre a denti stretti ma supera il turno preliminare con i Granata 1924.

 L'immagine può contenere: persone che praticano sport e spazio all'aperto

Sorrento – Il Sorrento subito concretizza il vantaggio con un eurogol di Gargiulo dopo che lo stesso ha errato un rigore, tenta il raddoppio però soffre a denti stretti ma supera il turno preliminare con i Granata 1924.

Ci voglio solo due primi ed ecco che i rossoneri, senza Munao e De Angelis a riposo, che sono partiti ben concentrati, hanno la palla del primo vantaggio che è sprecato da dischetto da Gargiulo dopo atterramento in area di Di Prisco da parte di Di Crosta. Lo stesso Gargiulo si riscatta al 7’ quando dopo aver eluso la marcatura del suo avversario innesca dal vertice dell’area, sulla sinistra, una sfera parabolica che si spegne all’incrocio sinistro di Capasso che era fuori dai pali. In una gara veloce e senza fronzoli, dopo i primi sfoghi costieri, subita la rete vengono fuori i granata che però hanno qualche difficoltà nel penetrare tra le maglie rossonere, ma ci provano sia al 10’ con una palla quasi rasoterra di un De Crescenzo defilato dai 21 metri circa, e sia al 24’ con una punizione di Calemme dalla tre quarti con la sfera elevazione di Ba che sorvola di poco la trasversale. Lo stesso calciatore, buona la sua gara, si fa vedere al 39’ dalla linea di fondo campo dove innesca una sfera sul primo palo che è sventata in angolo da leone di piede. Ultimo sussulto di un primo tempo che ha visto un Sorrento concentrato, che subito ha messo in campo il suo credo, è stato aggressivo al momento giusto contro i Granata 1924 (Ercolanese) che hanno giocato senza timori reverenziali, ma per trovare il varco giusto hanno faticato un po’.

L'immagine può contenere: una o più persone, persone che praticano sport e spazio all'aperto

Però non molto nella ripresa dopo che i costieri hanno tentato il raddoppio sono usciti dal guscio ed la 14’ si ripete quasi la stessa scena della prima parte: da fondo campo, in area, Esposito F scocca una palla velenosa sul primo palo che Leone sventa in corner per la seconda volta. Ma il brivido il portiere rossonero lo vede al 21’ quando la palla incoccia la parte superiore della traversa e si perde sul fondo, tutto ad opera sempre di Esposito F, una bella spina da estirpare, che trova un varco al limite dell’area e lo sfrutta. Il Sorrento vuole chiudere la gara e Rizzo al 25’ che mette in moto una sfera a giro a fil di palo che Capasso sventa in corner, ma la punizione defilata sulla destra, da circa 22 metri, battuta sempre dalla ‘spina’ Esposito F viene sventata dal portiere costiero in angolo da centro porta. Un lanciato Qehajaj al 32’ in area, dopo che ha sradicato la sfera dai piedi del difensore granata, se l’allunga e Capasso in uscita lo ferma, poi l’estremo vesuviano al 42’ vede sorvolare sulla sua testa e sopra la traversa una punizione centrale dai 19 metri circa di Guarro. I nuvoloni neri si addensano sulla costiera e mandano giù qualche goccia d’acqua al termine di una ripresa che ha visto i vesuviani mettere in qualche affanno, anche pericoloso, la difesa dei costieri che si difende a denti stretti in ogni angolo ma che poi tentano la via del raddoppio mancato per poco.

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

Le foto a corredo dell’articolo sono di Giuseppe Spasiano

COPPA ITALIA SERIE D – TURNO PRELIMINARE – GARA 40

SORRENTO – GRANATA 1924  1-0

Goal: 7’pt Gargiulo

SORRENTO (3-5-2): Leone; Russo V, Guarro, Fusco; Todisco, Di Prisco, De Rosa (26’st Bozzaotre), Masi (9’st Paradiso), Rizzo; Qehajaj (41’st Vitale), Gargiulo (16’st Cifani).

A disp: D’Oriano, Raimondi, Russo L, Esposito L, Di Ruocco.  Allen: Antonio Guarracino.

GRANATA 1924 (4-3-3): Capasso; Maiorino (40’st Fetta), Cassandro, Della Monica, Di Crosta; Sorrentino (28’st Falivene), De Crescenzo (1’st Ammaturo), Ba (49’st Trofo); Calemme (23’st Anzalone), Arciello, Esposito F.

A disp: Patella, Paudice, Maiello.  Allen: Antonio Maschio.

Arbitro: Nicola De Giovanni di Caserta.

Assistenti: Marco Croce e Marco Orlando Ferraioli di Nocera Inferiore.

Ammoniti: st – 2’ De Rosa (S), 9’ Di Crosta (G).

Note: giornata variabile/nuvolosa, 28°; erba sintetica sufficiente; spettatori 650 circa (50 circa da Ercolano).

Angoli: 2-5.  Recupero: 1’pt e 6’30” st.

GISPA

Precedente In rossonero il ritorno di Stefano Costantino Successivo Tragedia sul Sentiero degli Dèi: escursionista canadese morto