Sorrento, succo di limone: confiscato un quintale

Era congelato e sprovvisto di elementi relativi alla rintracciabilità

 

 Costiera sorrentina – Nell’ambito dei controlli a livello nazionale, del Comando carabinieri per la tutela agroalimentare, finalizzati al contrasto delle illegalità, è stato confiscato un quintale di succo di limone che era congelato e sprovvisto di elementi relativi alla rintracciabilità.

Sempre per quel che riguarda i limoni, in provincia di Salerno, sono stati sequestrati 4 quintali di limoncello e liquori a base di limone evocanti prodotto Dop/Igp, ma anche il territorio regionale è stato passato sotto la lente di ingrandimento, anche per altri prodotti.

In Irpinia, sono stati sottratti 3 quintali di latte di bufala privi di rintracciabilità e denunciata 1 persona per irregolare esercizio dell’attività produttiva, mentre in provincia di Napoli, 95 bottiglie contenenti limoncello poiché mancanti degli elementi essenziali per risalire alla provenienza del prodotto.

Neanche il Piemonte e la Valle d’Aosta sono stati esenti perché sono in varie aziende c’è stata la contestazione di svariate anomalie amministrative nell’ambito dell’etichettatura e della rintracciabilità. Mentre in Molise, sono finite sotto sequestro 109mila uova per carenza di elementi utili per risalire alla provenienza del prodotto. Scendendo a sud, in Puglia 6 quintali di prodotti ortofrutticoli privi di rintracciabilità, e tra Calabria e Sicilia 3.420 uova, 224 vasetti di marmellata, 37 scatole contenenti un totale di 555 chili di arance a falso marchio di tutela, 2.160 cartoni con logo Igp e 11mila sacchetti di succo di limone e arancia rosse congelati con marchio Dop riportato in etichetta, denunciata 1 persona per frode in commercio.

Insomma un’operazione a vasto raggio che in questi primi mesi dell’anno ha portato al sequestro di più di 45 tonnellate di prodotti agroalimentari, tra cui ci sono in prima linea: conserve, confetture, polpa di pomodoro, caffè, dolciumi, succhi e altro, poi a 6.770 litri di bevande alcoliche ed a circa 166 quintali di alimenti evocanti Dop e/o Igp: sughi, salumi, formaggi, paste ripiene ed agrumi,  e per finire, sono state elargite sanzioni per oltre 123mila euro.

 

GISPA

 

Precedente Andrà in esame il ricorso corte UE di Schettino Successivo Charter del mare, ha fatto giustizia il TAR Campania