Sorrento Young Art, la star TvBoy

È stato l’autore del murales del bacio appassionato tra Salvini e Di Maio

L'immagine può contenere: una o più persone e sMS
Foto tratta dal diario di Facebook di Tvboy

 

Sorrento – TvBoy sarà la star del Sorrento Young Art ed è stato l’autore del murales del bacio appassionato tra Salvini e Di Maio che poi è stato censurato.

Nell’evento internazionale dedicato all’arte contemporanea che è alla seconda edizione, i riflettori saranno puntati su di lui, che in realtà all’anagrafe si chiama Salvatore Benintende, la sua origine è del capoluogo siciliano ma poi è andato ad abitare a Barcellona. La sua opera di questo ‘famoso’ bacio tra i due leader, dal titolo “Amor populi” ha destato non poco scalpore in tutta Italia, tanto che come suddetto, subito è stato messo il divieto della censura. Ma la sua opera non si ferma a questa, infatti durante la stessa notte è stato l’autore di altri due murales, uno dedicato a Totti con l’ex capitano della Roma nei panni di uno novello San Francesco del calcio e l’altro con la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, nella veste di una volontaria umanitaria con un bimbo di colore in braccio.

Molto presto i suoi genitori si trasferiscono per motivi di lavoro a Milano, dove cresce e completa il proprio percorso di studi.

Il suo esordio sulla scena dell’arte urbana avviene nel 1996, quando comincia a realizzare i primi graffiti tradizionali ed i primi esperimenti di lettering sotto lo pseudonimo di “Crasto”.

Nel 1999 si iscrive alla Facoltà di Design Industriale di Bovisa Politecnico di Milano e nel 2002 frequenta per un anno la Facoltà di Belle Arti di Bilbao.

Al suo rientro in Italia dopo l’esperienza di studio nella capitale basca la Facoltà di Design di Milano ospita una mostra, nella quale compare per la prima volta il personaggio di “Tvboy”. In quell’occasione utilizza come supporto dei vecchi televisori abbandonati, dipingendo sugli schermi i volti di amici e personaggi dello spettacolo con la tecnica dello stencil. A partire da quella mostra, che riscuote un discreto successo fra gli studenti della facoltà, la definizione di “the tvboy”, il ragazzo della televisione, si aggiunge nella firma dell’artista al nome di Crasto, diventando così “Crasto the tvboy”.

Ha esposto le sue opere in numerose gallerie e musei internazionali tra cui l’Iguapop Gallery a Barcellona nel 2007, il Padiglione di arte Contemporanea di Milano nel 2007, l’Auditorium Parco della Musica di Roma nel 2008, la We Love Asbaek Gallery a Copenhagen nel 2008, il Progr Art Space a Berna (Svizzera) nel 2008, l’Aishiti Art Festival a Faqra (Libano) nel 2008 e il Museo di Storia di Saragozzaa nel 2006 oltre ad aver partecipato a diversi eventi di Arte Urbana in Spagna, Italia, Germania, Svizzera, Cuba e Libano.

Da 5 anni risiede a Barcellona, dove ha il suo studio ed è professore presso lo IDEP. Ha collaborato come artista-designer con prestigiosi marchi italiani e internazionali come Fiat, Seven, La Rinascente, Smart, Gioco del Lotto, Nescafé.

Sarà protagonista di una performance live domani sera, alle ore 19, a Villa Fiorentino, in occasione dell’inaugurazione del Sorrento Young Art.

 

GISPA

 

Precedente Rupert Everett, Claudio Bisio e Rocco Hunt agli Incontri internazionali del cinema Successivo Guardia di Finanza, sequestrate 150 nasse