SS 145 Sorrentina, su di essa corre il pericolo (Video)

Drammatico il video delle turiste falciate sulle strisce pedonali

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Il tremendo e violento impatto

Costiera sorrentina – Drammatico è il video delle turiste falciate sulle strisce pedonali che le stavano attraversando nel breve rettilineo prima di Meta su una Statale Sorrentina sulla quale corre quotidianamente il pericolo.

Non passano giorni oppure delle ore che su questa strada che è l’unico ingresso nella costiera sorrentina, accadono degli incidenti, gravi o meno gravi sia per i veicoli che per le persone, ma quello che si è visto delle due povere turiste ha dell’incredibile ed inverosimile. Anche se in quel tratto di questa panoramica che parte da Seiano ed arriva appunto a Meta che è l’ingresso delle quattro cittadine sorrentine, è sotto controllo da parte delle forze dell’ordine, quello che manca in molti è il giusto atteggiamento mentale quando si è in strada con un veicolo. Infatti nonostante che le varie curve a gomito impediscano il poter avere un’elevata velocità, non c’è verso che essa venga moderata, anzi spesso viene aumentata ed ecco che miscelata con il mancato giusto atteggiamento mentale, accade quello che è successo alla povere turiste. Ma oltre a questo anche i vari bus turistici da grandi dimensioni che stazionano lateralmente per far scendere i loro passeggeri per far fotografare il paesaggio, possono essere da ostacolo in qualche caso. Ma comunque nessuno vuole trovare delle soluzioni da mettere in campo, quello che forse ci vorrebbe e che in quel lungo tratto, probabilmente qualche sistema di video sorveglianza capace di monitorare tutto il tracciato, ma soprattutto il giusto atteggiamento mentale in tratti così pericolosi.

Il video è tratto da Facebook ed è di Salvatore Maresca:

https://www.facebook.com/salvatore.maresca.501/videos/10212438660986977/

 

GISPA

 

Precedente Porti, Confapi: sistema logistica a supporto degli scali Successivo Premiato il giornalino del nautico ‘Il Brogliaccio’