‘Sulla rotta delle Sirene’, rinviata la partenza dell’evento

Si svolgerà il 3 settembre su 33 miglia nautiche su una tavola da Sup, tre notti e quattro giorni in giro per i golfi di Napoli e Salerno

 

L'immagine può contenere: testo e natura
Manifesto della manifestazione

Sorrento – Il maltempo che ha imperversato nelle ultime ore ed il mare mosso ha fatto slittare la partenza dell’evento ‘Sulla rotta delle Sirene’ e si svolgerà il 3 settembre su 33 miglia nautiche su una tavola da Sup, tre notti e quattro giorni in giro per i golfi di Napoli e Salerno.

L’evento che è stato organizzato da Zoe Animal Yoga, da Toonado sport Experienxe e da Napoli da vivere si inerpicherà dalla zona costiera che va da Sorrento fino alle isole de Li Galli, toccando Punta Campanella, Capo Tiberio, i Faraglioni, la baia di Ieranto, per arrivare alle isole dove si diceva che risiedessero le sirene.

Infatti Ulisse giunge sull’isola delle sirene dove ordina ai suoi compagni di tapparsi le orecchie con la cera e di legarlo all’albero maestro della nave, in modo che potesse sentire il loro canto e non essere attratto dal loro richiamo.

L’isola sulla quale abitavano le sirene era arida e rocciosa, su molti scogli giacevano i resti delle vittime, e lo squallido e macabro aspetto dei luoghi contrastava con il meraviglioso canto delle strane creature che vi dimoravano.

E di fatti con il mito di esse si partirà con la rotta che porta da un golfo ad un altro per affrontare l’avventura della propria vita, per conoscere, per conoscersi, riconoscersi, ascoltarsi, ascoltando e celebrando queste creature ammaliatrici con mezzo corpo umano e mezzo di pesce.

Una traversata che mette alla prova l’uomo che affronta la natura, e specialmente il mare che è quella distesa blu, affascinate e misteriosa ma che in molte occasioni non lascia scampo.

GISPA

Precedente Banca dati del dna canino delle feci a Piano Successivo Tutti i concerti di ‘Estate Classica’ a Vietri sul Mare