Torna Festa a Vico, la kermesse dedicata alla gastronomia

Per tre giorni si alterneranno oltre 150 chef per le strade del centro cittadino ed a Marina di Seiano

Torna Festa a Vico, la kermesse dedicata alla gastronomia che celebra valori, cultura e luoghi. L’appuntamento del 2024 avrà luogo dal 10 al 12 giugno 2024 e prevede la partecipazione di oltre 150 chef provenienti da tutto il mondo e numerose aziende del settore.

L’evento è giunto ormai alla 21esima edizione e ha una consolidata rilevanza nazionale e internazionale, ponendosi ormai come evento di punta della gastronomia italiana. La manifestazione ha contribuito nel tempo al rilancio turistico della città e alla diffusione delle sue bellezze e peculiarità in campo gastronomico, artigianale ed artistico.

Ventuno anni di storia nati del 2003, quando lo chef Gennaro Esposito decise di celebrare la sua terra natìa sposando una lodevole causa benefica, unendo amatori, cultori, appassionati del gusto e dello stare insieme, per stringere legami autentici e duraturi. Dal pomeriggio del 10 giugno, si darà il via alla manifestazione di carattere benefico per le strade del centro cittadino. Si chiuderà il 12 giugno con lo splendido evento conclusivo di Marina d’Aequa che si trasformerà in una grande cucina stellata a cielo aperto, durante cui chef nazionali e internazionali delizieranno una manifestazione dal sapore più unico che raro.

Il programma

Tre giorni, più di 50.000 presenze previste, oltre 300 chef italiani ed esteri e 100 eccellenze enogastronomiche del nostro paese, più di 100.000 prelibatezze enogastronomiche nazionali da degustare.

Lunedì 10 giugno

La mattinata, dopo il benvenuto di Gennaro Esposito, sarà dedicata a vari talk dedicati al mondo dell’enogastronomia come volano del lifestyle, a partecipare numerosi Maitre, Sommelier, F&B Manager e importanti personalità del mondo vino. Nel pomeriggio sarà il turno di “Quel Vino a Vico” una serie di degustazioni e masterclass guidate dai tre Master of Wine italiani, Gabriele Gorelli, Andrea Lonardi e Pietro Russo.

La giornata si concluderà con la tradizionale “Cena delle Stelle” la cena di gala benefica di Festa a Vico, con un format inedito nato in collaborazione con La Cucina Italiana, la più antica rivista di cucina in edicola. Una cena dal titolo “Bites of Italy, la celebrazione della cucina italiana” per sostenere la candidatura della “cucina italiana tra sostenibilità e diversità bioculturale” a patrimonio immateriale dell’Unesco, promossa dal magazine. Sarà una serata con un parterre di chef internazionali che interverranno misurandosi con ingredienti italiani per proporre piatti mai proposti prima.

Tra gli stranieri, ad esempio, Narda Lepes, miglior chef donna dell’America Latina nel 2020 secondo la classifica internazionale 50 Best Restaurants, Christophe Pelé, chef executive Le Clarence Parigi (due Stelle Michelin), Antonio Iacoviello, Head Chef di Gucci Osteria a Tokyo (una stella Michelin), Katsu Nakaji, maestro del sushi, titolare del ristorante Hatsune Sushi di Tokyo, due Stelle Michelin. Tra i tanti italiani, Pino Cuttaia, due stelle Michelin a La Madia (Licata) e i fratelli Chicco e Bobo Cerea, tre stelle Michelin con Da Vittorio a Brusaporto (Bergamo) e sette complessivamente nei loro ristoranti nel mondo.

Martedì 11 giugno

Oltre ai numerosi talk e le degustazioni, la giornata sarà dedicata a “La Repubblica del Cibo”, che trasformerà il centro di Vico Equense in un ristorante a cielo aperto con chef di tutta Italia che realizzeranno i loro piatti tra strade, giardini, palazzi e botteghe. Serviranno – come sempre durante Festa a Vico – a raccogliere fondi da destinare alle onlus del posto e non solo.

Nel mentre la sera presso il Ristorante Torre del Saracino dello Chef Gennaro Esposito si svolgerà l’evento di degustazione riservato alla stampa, dal titolo “Una Promessa è una Promessa” in cui Giovani Chef italiani particolarmente promettenti presenteranno i loro piatti in abbinamento ai vini di aziende vinicole selezionate.

Mercoledì 12 giugno

L’ultimo giorno della kermesse sarà dedicato all’ormai leggendario “Cammino di Seiano” che avrà luogo presso l’incantevole Marina di Seiano, antico e affascinante borgo di pescatori, dove si trova anche il Ristorante Torre del Saracino all’interno del quale, durante il pranzo sarà organizzato l’evento dedicato ai Sommelier dal titolo “Quell’abbinamento a Vico” in cui alcuni tra i più importanti Sommelier del panorama Nazionale, racconteranno il loro abbinamento del cuore.

Naturalmente a fine di ogni giornata torneranno gli immancabili “after party“, momenti di “fusione e confusione” di tutte le anime della Festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.