Via Krupp, non si farà (per ora) il referendum

Il Segretario comunale: “Quesito inammissibile”. Protestano comitato e opposizione

foto

Stop al referendum su via Krupp. A dichiarare la “non ammissibilità” del quesito referendario, per il quale il comitato “Via Krupp aperta e libera” aveva raccolto un migliaio di firme tra i cittadini di Capri, è stata il segretario comunale Giulia Di Matteo. La funzionaria ha comunicato al sindaco Gianni De Martino e per conoscenza al comitato promotore che “il referendum è inammissibile ai sensi dell’articolo 27 dello statuto comunale”, senza ulteriori specificazioni.
Il primo cittadino ha preso atto del parere del capo della segreteria comunale, mentre il comitato ha accolto la notizia come un fulmine a ciel sereno riservandosi ogni azione politica e legale per contrastare il diniego al referendum. Proteste da parte del gruppo di opposizione “Avanti Capri” che ha annunciato che richiederà a stretto giro la convocazione straordinaria del consiglio comunale.
“Vuoi che l’Amministrazione Comunale di Capri si obblighi a provvedere alla riapertura di via Krupp mediante tutti gli interventi necessari per il risanamento, monitoraggio e manutenzione del costone roccioso, escludendo ogni e qualsiasi forma di affidamento e concessione a terzi della gestione della strada e dei Giardini di Augusto?”: questo il quesito sul quale si sarebbero dovuti pronunciare i cittadini e che invece è stato ritenuto non ammissibile.

Fonte caprinews.it

Precedente Aperto fino al 1 marzo lo sportello Inps Successivo Costa delle sirene, nella Bocca Piccola i delfini danzano (Video)