Vico Equense, ricordato l’agente Pasquale Paola

Massacrato da un commando di killer delle Brigate rosse il 15 luglio 1982

 Immagine correlata

Vico Equense – Nella mattinata del 14 luglio è stato ricordato l’agente Pasquale Paola che fu massacrato da un commando di killer delle Brigate rosse il 15 luglio 1982 insieme al vice questore Antonio Ammaturo in piazza Nicola Amore a Napoli.

Pasquale Paola, originario di Vico Equense aveva 32 anni ed era l’autista del vice questore con il quale era appena uscito dalla propria abitazione nella suddetta piazza  per recarsi alla Questura di Napoli quando caddero in un agguato compiuto da due terroristi scesi da un’automobile, i quali aprirono il fuoco con dei mitra contro l’auto di Ammaturo, assassinandolo insieme a Paola.

Gli assassini riuscirono a fuggire ma furono entrambi arrestati alcuni mesi dopo insieme ad altri complici.

Anche se non venne mai accertato con sufficiente chiarezza ma probabilmente l’omicidio di Ammaturo e del suo autista sia stato commissionato dalla Camorra napoletana (contro la quale il vice questore Ammaturo aveva diretto numerose indagini) alle Brigate Rosse che poi lo eseguì.

Entrò nella Polizia dopo aver frequentato la suola di allievi di Alessandria e la scuola sottufficiali di Nettuno, prestò servizio a Torino, Novara e presso la Questura di Napoli e nel 1981 fu premiato per servizio di Polizia giudiziaria di speciale importanza.

Il 3 maggio 1984 con un decreto del Presidente della Repubblica gli fu conferita la medaglia d’oro al valore civile con la seguente motivazione: “Autista di funzionario di pubblica sicurezza impegnato in rischiose operazioni di Polizia giudiziaria, assolveva il proprio compito con serena dedizione ed alto senso del dovere, pur consapevole dei rischi personali connessi con la recrudescenza degli attentati contro i rappresentanti delle Forze dell’ordine. Riportava mortali lesioni in un feroce e proditorio agguato sacrificando la vita a difesa dello Stato e delle istituzioni”.

I suoi resti mortali riposano nel cimitero di San Francesco ed alla commemorazione hanno partecipato il presidente del Consiglio comunale Massimo Trignano, il comandante della polizia municipale Ferdinando De Martino, il vice questore aggiunto Donatella Grassi, dirigente del commissariato di Sorrento, con il primo cittadino, Andrea Buonocore, che sottolinea che la “Città di Vico Equense è orgogliosa di aver dato i natali a un agente valoroso come Pasquale Paola. Oggi siamo qui per non dimenticare, il suo sacrificio sia esempio per le future generazioni”.

GISPA

 

Precedente ‘Spiagge sicure’ il piano tra Sorrento ed Ischia Successivo Va a fuoco un deumidificatore spento