Rubati attrezzi da lavoro, 35enne in manette

Ha messo a segno il colpo in un cantiere nei pressi del Circolo dei forestieri

 

Sorrento – Un 35enne originario di San Giorgio a Cremano mette a segno il colpo in un cantiere nei pressi del Circolo dei forestieri rubando degli attrezzi da lavoro ma finisce in manette. 

Qualche giorno fa l’uomo si mette all’opera realizzando il primo colpo, facendo sparire degli attrezzi del valore di 3mila euro dal furgone della ditta che sta eseguendo dei lavori, del fatto se ne accorgono i dipendenti che non li trovano più. L’accaduto poi si ripete dopo alcuni giorni ma già il titolare dell’impresa aveva denunciato l’accaduto al commissariato di Sorrento e poi vedendo che c’erano delle telecamere di sorveglianza all’esterno di un pub, chiede al gestore di mettergli a disposizione le immagini registrate. Da esse risulta chiaramente che a rubare un flex, una smerigliatrice ed altri utensili dal furgone sono stati due ladri che, dopo aver portato a termine il raid, si sono dileguati lungo le strade cittadine.

Ma il duo ladruncolo però non passa inosservato anche perché indossa lo stesso abbigliamento usato per effettuare i colpi, ma che è anche quello che si vede nelle immagini delle telecamere, ed allora lo stesso gestore del pub allerta il commissariato sorrentino, diretto dal vicequestore aggiunto Donatella Grassi. I poliziotti si mettono sulle tracce del duo e li seguono fin dentro un cantiere, così anche aiutati da alcuni passanti, bloccano il 35enne sangiorgese, mentre il suo complice sfugge all’arresto ed ora viene ricercato. Il 35enne è stato processato per direttissima dal Tribunale di Torre Annunziata, ed è stato anche denunciato anche per il furto commesso all’esterno del pub, ed ora si trova ai domiciliari a San Giorgio a Cremano.

Gli attrezzi che sono stati trafugati dal cantiere sono stati ridati al titolare della ditta, mentre quelli del furgone hanno preso un’altra via, perché non sono stati neanche trovati nella casa della sangiorgese. Forse sono stati venduti a qualche commerciante.

 

GISPA

 

Precedente Costa d’Amalfi, grida vendetta la beffa finale Successivo Sant’Agnello, è più cinico il Castel San Giorgio e conquista l'intera posta in palio