Vincenzo reagisce alle cure, nuova delicata operazione martedì

Genitori ringraziano per straordinaria manifestazione d’affetto

«Il nostro Vincenzo risponde bene alle cure, vuole risvegliarsi, ma i medici hanno preferito lasciarlo sedato in rianimazione per evitare che possa fare movimenti che potrebbero causare ulteriori danni e al contempo stabilizzare le fratture del bacino. Martedì sarà sottoposto a un’operazione molto delicata». Dalla struttura trasfusionale dell’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno i genitori di Vincenzo, lo sfortunato 17enne di Ravello vittima, l’11 luglio, del grave incidente di Amalfi, notiziano le tantissime persone di Ravello e della Costiera che anche oggi hanno effettuato donazioni di sangue.

Tanta gente anche dalla provincia di Salerno dopo che gli appelli lanciati dal Vescovado sono stati ripresi dai colleghi di Salerno Notizie e Lira TV. Persone di Mercatello, Pontecagnano: tutti che all’accettazione chiedono di donare per Vincenzo.

Tra ieri e oggi oltre un centinaio le donazioni (un numero che da tempo non si registrava al nosocomio salernitano) con diverse persone che dopo la prova dell’emocromo hanno scoperto di non poter donare. Ma è bastata la volontà. E proprio i genitori del ragazzo, Andrea e Antonella, visibilmente provati, hanno chiesto di diffondere il messaggio di ringraziamento per la straordinaria solidarietà ricevuta in questi giorni.

«L’affetto e la vicinanza di tanta gente di Ravello e della Costiera non ci fa sentire soli in questa prova durissima – ci hanno detto stamani – Ringraziamo di cuore chiunque abbia speso un pensiero o fatto un gesto, una preghiera, per il nostro Vincenzo».

Martedì prossimo il ragazzo sarà sottoposto a un delicato intervento chirurgico alle vertebre lombari che hanno subito lesioni. Non sembrano compromesse le terminazioni nervose ma per intervenire ci sarà bisogno di un bisturi molto particolare, che non è in dotazione ai chirurghi salernitani e di cui si attende l’arrivo.

Intanto domani, domenica 15 luglio, le donazioni di sangue si effettueranno direttamente al presidio ospedaliero di Castiglione (dalle 8 alle 12 e 30). Ciò al fine di evitare spostamenti e soprattutto per consentire il maggior numero di donazioni. Per la mattinata di domani il Comune di Scala ha organizzato uno speciale collegamento mediante servizio bus navetta, alle 8.30, 9.30 e 10.30 da Piazza Municipio, passando per Pontone fino a Castiglione e ritorno.

 

Fonte il vescovado.it

 

Precedente La situazione a Massa Lubrense dei lavori in corso Successivo Un "Masaniello sorrentino" lo scopre lo storico Fabrizio Guastafierro