Ultimo appuntamento a Vico Equense con ‘Note in Cammino’

Domenica 2 settembre si parte da Santa Maria del Castello per raggiungere la cima del Monte Comune

L'immagine può contenere: 2 persone, spazio all'aperto
Locandina del’evento

 Vico Equense – Domenica 2 settembre c’è l’ultimo appuntamento con ‘Note in Cammino’ e si parte da Santa Maria del Castello alle ore 16.00 per raggiungere la cima del Monte Comune.

Taranta, tarallucci e vino quello che ci propone questa rassegna, il primo trek & music in penisola sorrentina che ormai da due anni unisce percorsi trekking poco battuti a concerti in quota di vario genere e degustazioni di prodotti locali. Il tutto sempre mantenendo alti standard di qualità e professionalità.

Si parte da Santa Maria del Castello, antichissimo borgo collinare di Vico Equense, che segna oggi il confine tra la provincia di Napoli e quella di Salerno, così come un tempo lo segnava tra i Ducati di Amalfi e Sorrento, per raggiungere la cima del Monte Comune. Attraverso boschi di castagne e tratti a strapiombo sulla costa di Positano si raggiungeranno gli 850 metri di altezza, dove lo sguardo si aprirà a 360°sulla penisola sorrentina, fino a Capri ed il Vesuvio.

È qui, in uno dei punti più belli del territorio di Vico Equense, che si esibirà il Trio Tarantae con canti della tradizione napoletana, mentre allieteranno i palati dei partecipanti un fresco aperitivo di tarallucci napoletani, vino e il conosciutissimo Provolone del Monaco Dop gentilmente offerto e presentato per Note in Cammino dal “Consorzio di tutela del Provolone del Monaco Dop”.

Ma le sorprese non finiranno qui. Infatti l’evento organizzato dalla Pro Loco di Vico Equense in collaborazione con il comitato di Note in Cammino, il patrocinio della Città di Vico Equense e della European Neapolitan School, vede come collaboratore di eccezione la startup Toonado Sport experience che regalerà alcuni gadget e buoni sconto per tutti i partecipanti.

La lunghezza complessiva del percorso è di 6 chilometri, con un dislivello di 250 metri, la durata è di 4 ore e quindi si tornerà insieme alla guida Aigae al punto di partenza, massimo per le ore 21. Si consiglia di indossare scarpe da trekking o da ginnastica a suola scolpita, cappellino, protezione solare, abbigliamento leggero a strati.

 

Precedente Sant’Agnello, pari nell’andata di coppa Successivo Carlo Ametrano tra Telelombardia e pagelle