Guardia di Finanza, sequestrate 150 nasse

A Marina Piccola in una zona antistante l’area portuale

 Immagine correlata

Sorrento – A Marina Piccola la Guardia di Finanza ha sequestrato 150 nasse in una zona vietata alla pesca antistante l’area portuale.

L’operazione è scattata nella mattinata del 6 aprile, i sommozzatori dei baschi verdi, con l’ausilio di una motovedetta proveniente della Stazione Navale di Napoli, attuando una perlustrazione dei fondali con un’attenta ricerca subacquea, si sono imbattute in queste nasse.

Esse sono state, dopo il sequestro, consegnate per la distruzione al consorzio Penisolaverde di Sorrento, mentre è scattata la denuncia a carico di ignoti per pesca di frodo e in zone vietate.

Su questa operazione sono intervenuti il direttore di Penisolaverde, Luigi Cuomo, ed il consigliere comunale Luigi Di Prisco delegato all’Ambiente e Risorsa mare del Comune di Sorrento, che ha ringraziato le forze dell’ordine che hanno una particolare attenzione sul territorio. Ma il suo particolare ringraziamento va al Nucleo Sommozzatori della Guardia di Finanza ed alla stazione navale di Napol, il quale durante il monitoraggio del mare hanno rimosso 150 nasse abbandonate che creavano numerosi disagi all’ecosistema marino.

Sabato 14 aprile ci sarà una giornata di pulizia e sensibilizzazione dei fondali marini, con la collaborazione delle istituzioni, della Guardia di Finanza, della Capitaneria di Porto e delle associazioni varie.

 

GISPA

 

Precedente Sorrento Young Art, la star TvBoy Successivo Aliscafo a Napoli a massima velocità: a bordo una donna con le doglie