Un albergatore denunciato per acque reflue nel rivolo

Da qui finivano in mare per cui dopo il controllo è scattata la denuncia

 

 Redazione – È scattata la denuncia per un albergatore per le acque reflue che venivano riversate nel rivolo e da qui finivano in mare dopo il controllo effettuato.

Infatti gli uomini della Guardia Costiera di Piano di Sorrento, agli ordini del comandante Paolo Avallone, e della polizia municipale di Sant’Agnello, guidata dal comandante Nello Gargiulo, effettuando questi controlli hanno verificato che gli scarichi di queste acque finivano nel rivolo comunale. Le acque reflue o di scarico sono tutte quelle la cui qualità è stata pregiudicata dall’azione antropica dopo il loro utilizzo in attività domestiche, industriali ed agricole, diventando quindi inidonee ad un loro uso diretto in quanto contaminate da diverse tipologie di sostanze organiche  ed inorganiche  pericolose per la salute e per l’ambiente.

L’azione effettuata ricade nell’ambito dell’attività di controllo e monitoraggio degli scarichi industriali e domestici nei territori di Piano di Sorrento e di Sant’Agnello, coordinata dal capitano di fregata Guglielmo Cassone, capo del compartimento marittimo di Castellammare. Questo è per porre fine agli sversamenti illeciti e prevenire casi di inquinamento marino.

 

Precedente L'edizione del ventennale del "Premio Capo d'Orlando" si conclude dove tutto è nato Successivo Spacciava droga, calciatore in manette